Stephenie Meyer

Stephenie Meyer

Figlia della borghesia americana degli stati dell’Ovest, Stephenie Meyer si considera una nativa dell’Arizona.

Da adolescente frequenta il liceo a Scottsdale (Arizona, appunto), un luogo, afferma lei, in cui le ragazzine si fanno la plastica al naso e nel parcheggio della scuola si trovano per lo più delle Porsche.

Si laurea in inglese e ci tiene a sottolineare che il suo interesse si è sempre concentrato sulla letteratura più che sulla scrittura creativa, soprattutto perché ha sempre ritenuto leggere libri un “non lavoro”! Oggi si ricorda di tutte le frasi ironiche che si dicevano a chi si laureava in Inglese, cui si prediceva un futuro nell’industria alimentare dei fast food e, da autrice di bestseller quale oggi è, rinvia una risata beffarda.

Stephenie Meyer è sposata da oltre dieci anni e ha tre figli maschi: Gabe, Seth e Eli. Nella formazione letteraria di Stephenie gli autori che hanno avuto su di lei maggiore influenza sono stati, tra gli altri: Orson Scott Card, Jane Austen, William Shakespeare, Maeve Binchy, Charlotte Bronte, Daphne DuMaurier, L.M. Montgomery, Louisa May Alcott, Eva Ibbotson, William Goldman, Douglas Adams, Janet Evanovich.

Ma oltre agli scrittori, un'altra fondamentale fonte d’ispirazione è la musica, “non posso scrivere senza” dice Stephenie, e la musa preferita è il gruppo dei Muse. Oltre a loro, altre band molto amate sono i Linkin Park, My Chemical Romance, Coldplay, The All American Rejects, Travis, The Strokes, Brand New, U2, Kasabian, Jimmy Eat World e i Weezer.